William Harvey (1578-1657) decise di proseguire le esplorazioni iniziate da Aristotele. Procedette alla dissezione di cervi e pulcini per capire come si forma l'embrione. Si convinse che l'embrione si sviluppava gradualmente dall'uovo anziché da minuscoli corpi completamente formati.